Sveliamo il mondo dei forni a microonde tra pregiudizi, falsi miti e reali benefici

A discapito di quanto si possa dire, il microonde non è poi quel mostro che molti tendono ad additare. In realtà informarsi al meglio è la soluzione migliore e a questo ci abbiamo pensato noi!

Mettendo pace tra salutisti e utilizzatori accaniti di questo ormai diffusissimo elettrodomestico, basta intanto dire che la soluzione è semplice:

Come per tutte le cose della nostra vita, basta trovare il giusto equilibrio, basta conoscere il più possibile il prodotto che si sta utilizzando e utilizzarlo correttamente.
Grazie alla ricerca condotta da Altroconsumo siamo riusciti infatti a avere la certezza, una volta per tutte, che il forno microonde è difatti un elettrodomestico come tutti gli altri.

Citando la ricerca, l’unico rischio rappresentato dall’utilizzo del microonde è solo quello di riportare ustioni date dall’elevata temperatura dei cibi ( problema facilmente risolvibile manipolando con cautela i cibi e, un po’ come si fa con il forno tradizionale, utilizzare dei guanti di protezione), quindi abbandoniamo tutti i pregiudizi infondati e scopriamo il lato positivo di questo piccolo elettrodomestico!

UN PO’ DI STORIA:

È sempre interessante per noi scoprire gli aneddoti che girano intorno agli oggetti di così largo uso. Per il microonde poi, l’idea nacque per caso, quando il suo inventore Percy Spencer, notò che mentre armeggiava con le microonde per apparecchiature radar, si rese conto che la tavoletta di cioccolato che aveva in tasca si sciolse.

Da lì passò poco e nel 1947 costruì il primo forno a microonde che di certo non era quel piccolo fornotto che siamo abituati a vedere, pesava più di 300 kg ed era alto 1,80 m!

Con il tempo e l’evoluzione della tecnologia, il forno a microonde è diventato l’alleato numero uno di chi va sempre di fretta, di chi ottimizza i tempi e degli sprovveduti studenti fuori sede.

Le quattro parole chiave dell’uso del forno a microonde:

  • TEMPO

    Il risparmio di tempo è assicurato, grazie alla velocità con cui le microonde raggiungono alte temperature. Il meccanismo delle microonde prevede un acceleramento delle particelle di acqua provocandone il riscaldamento, è anche per questo che spesso le merende ripiene di crema riscaldate al microonde presentano un cuore incandescente!
    In ogni caso per un pranzo veloce o per un the velocissimo, nulla è più adatto di un forno a microonde. Ma ricordate soprattutto quando riscaldate bevande: le microonde possono far arrivare i liquidi fin oltre al loro stato di ebollizione senza provocare bolle o vapori. Assicuratevi dunque di controllare sempre la temperatura quando si sta per estrare il cibo dal forno ed eventualmente indossare un guanto o usate delle presine.

  • ENERGIA

    Un forno a microonde consuma metà dell’energia elettrica rispetto a un forno elettrico tradizionale e cuoce in tempi brevissimi. Di conseguenza è molto utile soprattutto quando volete riscaldare piccole porzioni.

  • SPAZIO

    Con le molteplici varietà che il mercato ci offre, adesso è possibile racchiudere mille funzionalità all’interno di un apparecchio che non occupa di certo l’enorme spazio di un forno tradizionale, con questo non significa che il microonde dovrà sostituire del tutto il forno tradizionale, ma un uso meno intensivo di quest’ultimo aiuta a risparmiare sulle bollette e in termini di impatto ambientale.

  • LA COTTURA

    A volte il “risultato” della cottura a microonde non soddisfa i palati più esigenti, soprattutto quelli che amano i cibi esternamente croccanti, che amano quella crosticina saporita che avvolge le pietanze. Bene, adesso basta acquistare un forno che permetta diversi tipi di cottura, tra cui quella a grill: la soluzione è a portata di mano! Grazie alla varietà di scelta è possibile adattare il tipo di cottura a ogni cibo che si vuole preparare ottenendo un risultato come quello del forno tradizionale ma con tutti i pregi dell’utilizzo di un microonde.