Questo è un chiaro esempio di come si può trasformare area living e cucina in uno spazio aperto in totale connessione con il verde circostante. Seguici in questo viaggio!

Nadine Nakache è un’architetto australiano dall’esperienza ventennale nel progettare spazi con un approccio site-specific. Quella di cui si è occupata in questo cado, è un’abitazione costruita durante il “Federation period” che va dal 1890 al 1915 circa, periodo in cui l’Australia divenne una vera e propria nazione indipendente.

In quel periodo si delinea un vero e proprio stile architettonico che si può definire come la versione “federale” dello stile inglese Regina Anna.

Bene, dopo un po’ di storia, passiamo a questa bellissima costruzione la cui parte inferiore è stata stravolta per accogliere infinite pareti in vetro col proposito di eliminare le distanze tra il verde esterno e l’interno.
Della vecchia divisione interna è infatti rimasta solo quella del piano superiore che accoglie la zona notte.

Se l’esterno è già splendido di per sé, l’interno ci colpisce per l’incredibile ariosità e luminosità. L’uso del bianco misto a essenze lignee molto chiare enfatizza le linee e la luminosità degli spazi, tanto che, se apriamo tutte le imposte in vetro, sembrerà di star fuori all’aria aperta!

I due infiniti tavoli dalle superfici grezze sono perfetti per pranzi e cene con amici, in particolare quello posto difronte alla cucina è particolarmente utile anche come piano d’appoggio per la preparazione dei cibi. Da utilizzare un po’ come un’isola di cui metà è destinata ai commensali. Meravigliosi i due lampadari oversized che non incombono troppo grazie al loro color panna.

Anche il paraspruzzi della cucina è stato sostituito con delle finestre, ovunque si guardi si può scorgere un pezzo di verde. Per valorizzare i colori della natura che circonda la casa, è stata scelta infatti una palette davvero molto chiara.

  • IL PAVIMENTO IN LEGNO
    Come avevamo detto, in legno chiaro con venature a vista, ricopre tutta la superficie per una sensazione di continuità che amplia ulteriormente l’estensione degli spazi.
  • I TAVOLI
    Anche per i due tavoli, uno che funge da isola, le essenze scelte sono estremamente chiare e presentano una lavorazione della fibra legnosa che ne mette in risalto le venature.
  • LE PARETI, LE ANTE E PIANI DI LAVORO
    Per questi dettagli, la scelta è ricaduta sul bianco puro, persino le decorazioni delle cornici del soffitto vengono smorzate e placate dall’uso del bianco.
Fonti:
Nadine Nakache Design, Randwick House 2.
Fotografia: Simon Whitbread.

Iscriviti alla newsletter!

Non perderti preziosi consigli e le ultime novità sui marchi e prodotti nel mondo della cucina e ricevi subito la nostra guida gratuita su come scegliere bene la tua cucina!

Autorizzo il trattamento dei dati per tutte le finalità previste dall'informativa privacy, nonché dichiaro di avere già compiuto sedici anni e –se minore di sedici– di essere stato autorizzato dal titolare della responsabilità genitoriale. Con la compilazione e l’invio del form autorizzi la conservazione dei tuoi dati e l’invio di materiale informativo, pubblicitario o promozionale, inerente l’attività e i prodotti/servizi commercializzati da questo sito. I dati personali che vorrai liberamente comunicarci verranno registrati sui supporti elettronici, protetti e trattati in via del tutto riservata. I dati non saranno ceduti a terzi. I diritti che potranno essere esercitati sono in merito all’aggiornamento, alla modifica e/o alla cancellazione dei dati. Per maggiori informazioni clicca qui: Privacy Policy e Cookie Law.