Parquet: una guida per chi non sa da dove cominciare!

Ebbene sì, oltre a sfatare il mito del parquet in cucina vi daremo le giuste dritte per fare la scelta giusta e avere il pavimento in legno dei vostri sogni…. in cucina!

La scelta del parquet in cucina non è più così ardita come si pensava tempo fa. Le nuove tecnologie in fatto di trattamento del legno e la scelta sapiente del legno da utilizzare hanno fatto sì che il parquet in cucina non fosse una nota dolente per chi lo ha scelto.

 • aggiornamento: è pronta la seconda parte! 

Ma come scegliere?
Ci rendiamo conto che le possibilità di scelta e di combinazioni sono quasi infinite, è per questo che abbiamo pensato a una guida utile a orientarsi nel mondo dei pavimenti in legno e fare la migliore scelta per la vostra cucina.

Cominciamo:

Per prima cosa suddividiamo in categorie le varie possibilità di scelta:

  • GRANDEZZA DEGLI ELEMENTI
  • PATTERN
  • GRANDEZZA DEGLI ELEMENTI

Come sappiamo il parquet è una pavimentazione il legno costituita da più listelli vicini, di diversa grandezza, che creano una superficie calpestabile.
La scelta della grandezza dei listelli di legni deve essere dettata dall’effetto estetico che si vuole ottenere e si suddividono in

– PARQUET INDUSTRIALE:


Il parquet industriale deve il suo nome al fatto che è stato utilizzato inizialmente per  spazi industriali. Ha il grande pregio di essere molto resistente, è costituiTO da lamelle strette, di piccola dimensione ma di spessore maggiore rispetto agli altri tipi di parquet per interni.

 
– PARQUET A LISTELLI O LISTONI DA INCOLLARE

La scelta di listoni (larghi) o listelli (stretti) da incollare, assicurano un pavimento dalla superficie continua, senza interruzioni e fughe. Dopo la posa bisogna attendere circa 15 giorni per far sì che il legno si adatti all’ambiente.

 

– PARQUET A LISTONI DA INCHIODARE

La scelta dei listoni o listelli con posa inchiodata presenta dei pro e dei contro. I Pro riguardano assolutamente la qualità, la durevolezza del pavimento. Gli elementi vengono accostati ma non si presentano come una superficie non continua:Il legno, grazie alla sua elasticità, crea leggere fessure ed imperfezioni casualmente disposte che donano un sapore ed un senso di naturalezza al luogo.
La posa inchiodata rievoca tutta l’intimità e il calore del parquet antico.
Di CONTRO  c’è solo il fatto che questo tipo di posa fa scricchiolare il pavimento quando ci si cammina su.
A parte questo ( teniamo a dirvi che esistono nuovi modi per evitare questo piccolo rumore) ve lo consigliamo di cuore!

 

  • PATTERN

Il pattern è il gioco di forme ripetitive che nascono dalla scelta del modo in cui posizionare i listelli. Ogni tipo di posa ha il suo nome, scopriamole!

– LISCA DI PESCE

La spina di pesce è fortemente consigliata per ambienti di grandi dimensioni perché il suo disegno articolato tende a “riempire” lo spazio e quindi a ridurlo visivamente. Questo tipo di posa inoltre darà la sensazione di aver utilizzato diversi tipi di legno in quanto, grazie alle diverse angolature in cui sono disposti i listelli, la luce li illuminerà in modo diverso!

 

– MOSAICO

Se per voi la cucina è uno degli spazi di rappresentanza (concedeteci il termine retrò) allora un lussuosissimo parquet mosaicato fa al caso vostro. L’unica pecca è quella che anch’esso riduce gli spazi e soprattutto bisogna stare veramente attenti ai tipi di legno da usare.
Questa posa è dunque sconsigliata a chi vive la cucina come un campo di battaglia ed è più consigliabile a chi fa un uso più leggero di questo spazio.

 

– TOLDA DI NAVE

La posa a tolda di nave è forse la più utilizzata, qualunque sia la larghezza dei listelli mantiene sempre il suo fascino.
I listelli possono essere posizionati seguendo la lungezza della stanza (in questo modo si allargherà un po’ lo spazio visivo) o seguendone il lato corto.
Ottima anche per nascondere eventuali irregolarità delle pareti grazie alla sua posa che è irregolare anch’essa ( a differenza del cassero regolare che vedremo più giù).

 

– SPINA UNGHERESE

Una variante della spina di pesce è la spina ungherese o spina francese. In questo caso i listelli non si intersecano tra loro e creano un disegno più lineare davvero elegante e ricercato.

 

– CASSERO REGOLARE

Il cassero regolare è una variante della posa a tolda di nave, in questo caso i listelli sono tutti della stessa lunghezza e sono incastrati in maniera uguale e ripetitiva riprendendo la tipica posa dei mattoni rettangolari.

 

– FASCIA A BINDELLO

Per un tocco decorativo in più ecco la fascia a bindello. Si tratta di una fascia decorativa in legno che funge da cornice al pavimento e che segue tutto il perimetro della stanza. Solitamente l’orientamento della posa è differente da quello del pavimento che questa fascia va a incorniciare e può comporsi di diverse essenze lignee di diverse larghezze. Per i più eclettici si possono aggiungere anche rifiniture in ottone oppure con piastrelle scintillanti.