10 modi per risparmiare consumo energetico (e soldi) in cucina:

 Risparmiare nei consumi energetici vuol dire anche risparmiare nelle bollette, e avere la possibilità di mettere da parte qualche risparmio per ciò che ci piace.

Noi di Dear Kitchen abbiamo preparato questa semplice guida con trucchi che apporteranno ben due benefici: aiuterete l’ambiente e risparmierete un po’ sulle bollette!

  • FRIGORIFERO E FREEZER

– Aggiusta il termostato
settando il termostato a una temperatura più bassa del necessario, il frigorifero consuma fino al 25% in più.
Fai in modo che il termostato sia impostato a circa 4°C. Per quanto riguarda il freezer, impostalo a un massimo – 18 o -15°C.
Seguendo queste semplici regole risparmierai circa 20 euro all’anno.

– pulisci la serpentina del condensatore
Posta nel retro del frigo, la serpentina ha bisogno di essere libera dalla polvere. La polvere infatti restringe il flusso di aria fredda, costringendo il frigo a lavorare più intensamente. Semplicemente passaci su l’aspirapolvere ogni sei mesi e con questo semplice gesto aumenterai l’efficienza del frigo del 5% e risparmierai circa 4 euro all’anno

– usa le care vecchie vaschette per il ghiaccio
dedicato a tutti coloro che hanno acquistato un frigorifero con macchina del ghiaccio incorporata. Avere dei cubetti di ghiaccio istantanei è davvero una comodità, ma sappiate che aumenta il consumo di energia di addirittura il 20%.
Evitandone l’uso esclusivo e accompagnando l’uso di vaschette per il ghiaccio vi ritroverete dai 10 ai 20 euro in più nelle vostre saccocce.

 

  • FORNO E SIMILI

Una cucina ecologica deriva da una corretta gestione del tempo e dello spazio.

– Spegni prima!
Chiunque può notare che tutti gli elettrodomestici che si riscaldano, tendono a rimanere caldi anche molto dopo essere stati spenti.
La genialata sta nello sfruttare quel tempo lì, spegnendo il forno fino a 20 minuti prima della fine del tempo di cottura.
Interessante è che si può applicare questo trucco anche ai fornelli: basta porre un coperchio e lasciar terminare al cottura spegnendo il fuoco fino a 5 minuti prima. In questo modo risparmierai circa 2 euro all’anno, ma, è pur sempre qualcosa!

– Abbina il fornello alla padella
una padella molto piccola rispetto al fornello equivale praticamente a vedere bruciare i tuoi soldi.
Abbinando correttamente la padella o la pentola al fornello, il gas o l’elettricità (se hai un piano cottura a induzione) non spargerà calore nella cucina piuttosto che nel cibo. Stessa cosa vale al contrario: un fornello troppo piccolo rispetto alla padella, impiegherà più tempo per riscaldarla.
Ricorda sempre: le fiamme del fornello non devono mai avvolgere i lati della padella.
Con questi semplici accorgimenti risparmierai anche qui un po’ di euro.

-Dimentica la formula: “preriscalda il forno”
Ogni mese puoi risparmiare circa 2 euro evitando di preriscaldare il forno, tenendo conto circa un 20/30 minuti di preriscaldamenti al mese.
Questa prassi è infatti ormai un luogo comune che serve solo a sprecare inutilmente energia: infatti la regola del preriscaldare il forno è utile e necessaria solo per alcune ricette miratissime come il pane e le torte.
Abbinando questo consiglio al consiglio numero 5, ottieni una combinazione efficientissima!

 

  • LAVASTOVIGLIE

Per quanto riguarda la lavastoviglie, la maggior parte dell’energia viene consumata nel riscaldamento dell’acqua.
Segui i prossimi consigli e risparmierai dai 34 ai 50 euro all’anno!

– Gestisci bene il carico:
Molte lavastoviglie usano lo stessa quantità di acqua e di energia anche se sono state caricate a metà. Sembrerà una banalità, ma azionare la lavastoviglie SOLO quando è completamente carica, aiuta a risparmiare fino a 30 euro all’anno, 55 euro se si tratta di lavastoviglie più antiche.

– Aziona l’energy saver:
Il ciclo di asciugatura delle stoviglie tende a consumare fino a 50 euro all’anno. L’impostazione “energy safer” serve proprio a saltare questa parte del ciclo di lavaggio. Se la vostra lavastoviglie non è provvista di questa impostazione, potrete semplicemente spegnerla subito dopo il ciclo di risciacquo e aprire lo sportello.

– Usa la lavastoviglie:
Molti sono ancora convinti del fatto che lavare i piatti a mano aiuti a risparmiare energia e acqua.
La verità è ben altra, infatti la lavastoviglie richiede meno di un terzo dell’acqua che serve per lavare i piatti a mano. Azionando la lavastoviglie (quando è piena, mi raccomando), taglieresti di tanto i costi per riscaldare l’acqua (che è la spesa domestica più consistente).
Insomma non solo risparmieresti, ma non dovrai nemmeno pulire i piatti! 😉